Connect with us

Hi, what are you looking for?

League Of Legends

Worlds 2020: I Team Solo Mid fuori dal group stage

TSM

L’avventura dei TSM ai mondiali è arrivata ormai al capolinea. Per la prima volta nella storia dei mondiali di League una squadra completa la fase dei group stage con il risultato di 0-6. Come è noto la regione americana ha sempre fatto fatica ad emergere rispetto alle altre regioni. Quest’anno più degli anni precedenti la differenza sembra essersi manifestata. Molti i connazionali dei Team Solo Mid ad essere rimasti delusi.

Non si sono risparmiati a tal propositi gli ormai soliti attacchi personali ai giocatori. Attacchi fortemente condannati dai  caster e altre personalità dell’esport che però non hanno potuto fare a meno di mostrare il proprio disappunto e critiche sul gameplay delle stesse squadre americane. Nonostante la presenza dei Team Liquid e FlyQuest, le partite dei Team Solo Mid risultano le più deludenti non solo perché erano i primi classificati a rappresentare l’NA, ma soprattutto per via della mancanza di una vera strategia e di adattamento alle squadre avversarie. Nessuna si è dimostrata davvero preparata allo stile e al meta del gioco portato da EU, LPL ed LCK.

La pressione sulle aspettative dei fan può aver contribuito alle scarse performance del team americano, arrivata prima in classifica alla fine del Summer Split. Questa considerazione nasce dal fatto che nell’ultima giornata del girone C, persa la prima partita contro i FNC e annullate le speranze per la conquista di un possibile posto, il ritmo dei TSM è cambiato drasticamente. Con un carry champ nelle mani di Bjersen  e una comp adatta a quello stile distintivo dei TSM  li ha portati a dominare nei primi minuti di partita. Purtroppo nonostante delle buone partenze nei successivi due game contro Gen G ed LGD tra uno “sfortunato” backdoor ed errori di macro si sono tramutati in sconfitte.

RIFORMARE IL SISTEMA  PER FAR RINASCERE IL PANORAMA NA

L’America ha mostrato di avere delle lacune che vanno aldilà delle capacità dei singoli giocatori a cominciare dai coaching staff da cui dovrebbe nascere la comprensione della scena internazionale. Pur essendo una delle realtà dove gli investimenti fatti sono decisamente maggiori rispetto ad altre realtà, i risultati non sono lontanamente paragonabili alle somme investite.

Nonostante l’attenzione maggiore nel far accrescere le Academy e i ragazzi nativi sembra ancora lunga la strada per una della maggiori regioni. Il disappunto accresce ancor di più se si pensa alla decisione di Riot Games di rinunciare alla scena dell’Oceania che proprio in questi mondiali 2020 ha mostrato i progressi di una scena considerata minore. Ripensare a come viene investito il denaro, su chi e come sembra essere il primo passo necessario per la scena americana.

I FlyQuest al momento sono l’ultima speranza per NA. Chissà se questo non fosse lo scossone necessario per le squadre americane che li porterà a spronarsi per un cambiamento efficace ed effettivo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra nella community Telegram di OpenMid!

Potrebbe interessarti anche

Valorant

Sembra proprio che i contenuti di Valorant continuino a crescere esponenzialmente. Solo qualche ora fa stavamo parlando delle varie novità che verranno introdotte con...

Valorant

Considerando la ormai vicina data di pubblicazione di Valorant, abbiamo ben pensato di darvi qualche piccola informazione in più in merito ad altri aspetti...

Nessuna Categoria

Reduce da anni di cambiamenti rilevanti nel panorama videoludico che l’ha vista protagonista per longevità e fidelizzazione, Riot Games si è ritrovata spesso nell’occhio...

League Of Legends

Ecco i cambiamenti previsti per la patch 10.10 di League of Legends. Come siamo abituati ormai, sappiamo per certo che fino a quando uscirà...

Copyright © 2020 OpenMid.gg - Proprieta' di ARKADIA SRLS, sede in Via Trieste 1, 58100, Grosseto, P.IVA 01659980534 - Sotto la gestione di NETCOM SRLS, sede in Via Cellottini 38, 00015 Monterotondo, P.IVA 13783471009 - Service Web di SPAWNLAB, sede in Via degli Ippocastani 4, 20152 Milano, P.IVA 11174100963