Connect with us

Hi, what are you looking for?

League Of Legends Wild Rift

League of Legends Wild Rift: risposte ai quesiti dei giocatori

Wild Rift

Come forse vi ricorderete, abbiamo già parlato dell’annuncio di un Q&A da parte degli sviluppatori della versione mobile di League of Legends, che in questi giorni ha trovato realizzazione. Ebbene, i quesiti posti dai giocatori su Wild Rift sono numerosi: vediamoli assieme.

Perché non c’è X?

Le domande a questo proposito sono state numerose. Attualmente il gioco è ancora in una fase di sviluppo preliminare e varie sue componenti sono state deliberatamente escluse dall’Alpha attualmente in conclusione in Brasile e nelle Filippine. Col tempo, e col suggerimento degli utenti, altre funzioni verranno aggiunte.

Perché alcuni campioni sono diversi dai loro corrispettivi PC?

Poter creare un gioco da zero ha permesso agli sviluppatori di mettere mano ad alcuni personaggi di League of Legends ormai abbastanza datati, rinnovandoli ed adattandoli anche alle loro versioni su Legends of Runeterra.

Come spiegato anche in questo video, giocare su mobile e su PC non è qualcosa di paragonabile. Laddove un campione possa essere trasposto senza modifiche, si segue questa soluzione. Ma vi sono alcune questioni da mettere in conto:

  • considerati i controlli differenti, si vuole evitare che vi siano troppe passive. Sia chiaro, tutti ne avranno almeno una, ma alcuni effetti che normalmente si attivano senza la diretta pressione di un tasto, come la W di Vi, sono stati resi delle attive;
  • varie abilità che risultano più facili da controllare come skillshot che come semplici punta e clicca, sono diventate tali. Un esempio è la Q di annie;
  • molti campioni dovevano essere adattati alla ridotta durata media delle partite e alla mappa più piccola. Il lategame, in altre parole, è stato molto ridimensionato. Per citarne uno, Nasus accumulerà stack molto più velocemente.

Wild Rift avrà qualche influenza su League of Legends per PC?

L’obiettivo finale è quello di rendere i gameplay di entrambe le versioni del MOBA targato Riot Games abbastanza simili, così da avere una sensazione familiare nel giocare l’una o l’altra. Attualmente, varie componenti di Wild Rift, come le strutture e la giungla, si avvicinano alle corrispettive di League of Legends. Ci è dato sapere, inoltre, un’aggiunta che arriverà prossimamente: le Anime dei Draghi.

Per quanto riguarda i campioni, Wild Rift si fa carico dell’identità di ognuno e cerca di trasporla al meglio possibile. In alcuni casi, addirittura, sarà possibile che le modifiche sperimentate su mobile possano essere trasferite anche su PC. Se parliamo del bilanciamento generale, ovviamente le patch di una versione o l’altra saranno sostanzialmente diverse.

Vi è una lista con l’ordine di rilascio dei prossimi campioni?

I piani vogliono la pubblicazione di molti altri personaggi, ma non vi è un particolare ordine logico. Scegliere quali campioni trasporre subito su Wild Rift è stato difficile: l’obiettivo era quello di creare un roster sufficientemente variegato, così da non avere uno stesso ruolo occupato da più personaggi.

Qual è il campione più difficile da trasporre su mobile?

Ci sono due categorie di campioni “difficili” da trasporre. La prima è quella dei personaggi che presentano interazioni con ogni alleato o avversario in partita. Della seconda, invece, fanno parte quelli che sono ottimizzati per essere utilizzati con mouse e tastiera, come Jhin, Ziggs o Yasuo, a causa delle loro abilità a lungo raggio o della loro agilità.

Wild Rift

Dov’è il teletrasporto?

Il teletrasporto è diventato un potenziamento per gli stivali, affiancato dalla Lastrapietra del gargoyle, la Redenzione e la Clessidra di Zhonya. Riot ha compiuto questi spostamenti per rendere più accessibili certe attive molto situazionali. Su Wild Rift, il teletrasporto è proprio una di queste.

Perché le partite durano solo 15-20 minuti?

Accessibilità e durata sono elementi fondamentali per un gioco mobile. Gli utenti, quando gli è stato chiesto, hanno dimostrato di preferire partite più veloci per un’eventuale versione su telefono o console di League of Legends, così da poterle finire, ad esempio, nella pausa pranzo. Ovviamente, questo non influenza l’esperienza su PC: coloro che amassero lunghe e tese partite da 40 minuti non hanno di che preoccuparsi.

Perché la minimappa va a scatti?

Semplicemente, non tutti gli elementi di gioco sono già stati ottimizzati. Prossimamente questo problema verrà risolto.

Perché la mappa è specchiata?

Per chi non lo sapesse, Wild Rift prevede che gli utenti giochino sempre col proprio Nexus in basso a sinistra. In altre parole, la mappa è, appunto, specchiata: se foste sul lato rosso, il drago sarà vicino alla vostra corsia superiore, che per gli avversari del lato blu sarà quella inferiore. Sarà lì, quindi, che carry e supporto si recheranno ad inizia partita. Perché? Gli sviluppatori hanno testato varie versioni della mappa di gioco, cercando di trasporre l’esperienza su PC in maniera più fedele possibile. È risultato evidente, però, che giocare sul lato rosso fosse semplicemente più difficile, a causa di alcuni problemi con la visuale. Di conseguenza, si è optato per specchiare la Landa.

Wild Rift avrà campioni e skin esclusive?

In parole povere, sì. Le skin attualmente esistenti su League of Legends saranno meglio sviluppate e variegate, con alcune esclusivamente disponibili su mobile in arrivo in futuro. Per quanto riguarda i campioni, vi è interesse nel fare qualcosa del genere, ma di sicuro non nell’immediato.

Come saranno le ranked? Perché il sistema di classificate è diverso su Wild Rift?

Su questo argomento avremo aggiornamenti in futuro, ma intanto dobbiamo tenere presente che il nuovo sistema debba adattarsi ad eventuali neofiti che non abbiano mai provato League of Legends su PC.

Come sarà strutturato il sistema di punizioni?

Riot Games supporterà vari strumenti per ridurre o rimuovere comportamenti indesiderati in partita. Molti di questi sono ancora in sviluppo e, quindi, non sono stati svelati durante l’Alpha. Alcuni saranno online al lancio, altri in patch successive. Avrete più dettagli quando ci avvicineremo all’uscita definitiva.

Vi saranno eventi sincronizzati tra PC e Wild Rift?

Gli sviluppatori garantiscono che vi saranno certamente eventi di questo genere, anche se è importante sottolineare che non necessariamente i contenuti su PC saranno gli stessi su mobile.

Come avete reinventato i controlli? Potete aggiungere quelli TAP?

L’idea è quella di trasporre l’esperienza PC su mobile e, per questo, è stato creato un sistema di controllo basato su due twin stick. Verranno certamente garantite alcune personalizzazioni in futuro, ma è improbabile che sarà aggiunto un sistema totalmente nuovo, basato sui tap control, vale a dire dei controlli di tocco, perché Wild Rift è stato pensato proprio attorno ai twin stick.

Verrà aggiunta la chat vocale?

In futuro, sì. Dobbiamo aspettarci più informazioni al riguardo nel corso dell’anno.

Perché i content creator hanno avuto accesso all’Alpha prima dei normali giocatori?

L’intenzione era quella di rendere accessibile il gioco a qualcuno, come i content creator, che vi potesse instaurare un rapporto particolare e cruciale nello sviluppo di nuovi prodotti nella contemporaneità. È infatti molto importante avere un feedback da parte loro, attraverso cui arrivano anche le opinioni delle community che hanno costruito.

Inizialmente, circa il 10% degli invitati era formato da content creator, ma col passare delle settimane la percentuale è diminuita. Al termine dell’Alpha, il 99% degli utenti era composto da giocatori selezionati casualmente.

Vi sarà una più vasta varietà di configurazioni in gioco?

Per esempio, potranno i giocatori scegliere dove posizionare le icone delle abilità?

Di sicuro, saranno offerte più opzioni di personalizzazione ai giocatori, anche se non si potrà muovere proprio tutto. L’obiettivo è quello di rendere confortevole l’esperienza per tutti gli utenti.

Avete intenzione di aggiungere doppiaggi non inglesi per ogni server?

La squadra di sviluppo sta lavorano per localizzare il gioco in più lingue. A causa del Covid-19, però, non vi è stata possibilità di registrare il doppiaggio portoghese per l’Alpha brasiliana, ma dobbiamo aspettarci di avere maggior scelta nelle prossime fasi di testing.

Trovate ulteriori dettagli qui. Con l’imminente chiusura dell’Alpha in Brasile e nelle Filippine, prevista proprio per oggi, 29 giugno, Riot Games avrà ulteriore tempo per sviluppare al meglio il suo nuovo prodotto. In futuro, lo ricordiamo, sono previste altre fasi di testing, anche in Europa.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra nella community Telegram di OpenMid!

Potrebbe interessarti anche

Valorant

Sembra proprio che i contenuti di Valorant continuino a crescere esponenzialmente. Solo qualche ora fa stavamo parlando delle varie novità che verranno introdotte con...

Valorant

Considerando la ormai vicina data di pubblicazione di Valorant, abbiamo ben pensato di darvi qualche piccola informazione in più in merito ad altri aspetti...

Nessuna Categoria

Reduce da anni di cambiamenti rilevanti nel panorama videoludico che l’ha vista protagonista per longevità e fidelizzazione, Riot Games si è ritrovata spesso nell’occhio...

League Of Legends

Ecco i cambiamenti previsti per la patch 10.10 di League of Legends. Come siamo abituati ormai, sappiamo per certo che fino a quando uscirà...

Copyright © 2020 OpenMid.gg - Proprieta' di ARKADIA SRLS, sede in Via Trieste 1, 58100, Grosseto, P.IVA 01659980534 - Sotto la gestione di NETCOM SRLS, sede in Via Cellottini 38, 00015 Monterotondo, P.IVA 13783471009 - Service Web di SPAWNLAB, sede in Via degli Ippocastani 4, 20152 Milano, P.IVA 11174100963